Topmenu

GLI AMBIENTI DELLA COMUNITÀ:

 

NUOVO CENTRO PARROCCHIALE

 

Rieccoci, come promesso nel bollettino parrocchiale dello scorso 10 settembre, per aggiornarvi sui lavori di ristrutturazione eseguiti nel nostro centro parrocchiale ed illustrare come proseguiranno. I lavori del primo stralcio sono quasi terminati; mancano degli arredi, ma i locali sono già utilizzati. C’è stato qualche ritardo, principalmente dovuto all’interruzione e ripresa dei lavori per permettere lo svolgimento della festa della comunità a settembre; tuttavia abbiamo anche realizzato delle opere inizialmente non previste, come per esempio alcune sistemazioni esterne e delle predisposizioni impiantistiche che saranno utili in futuro.

Come abbiamo proceduto? Come ci siamo comportati?

Una commissione tecnica di volontari, presieduta dal parroco e costituita all’interno della commissione nominata dal Consiglio Pastorale nel 2014 (che era formata dai Presidenti del Circolo NOI e dell’Azione Cattolica, un membro del Consiglio per gli Affari Economici, un rappresentante del Valsugana Calcio e altri volontari della parrocchia, di cui vi abbiamo informato nel bollettino del 10 settembre scorso), ha realizzato, a titolo gratuito: il progetto architettonico (elaborato dal distributivo emerso dai lavori della commissione incaricata dal Consiglio Pastorale), la progettazione impiantistica, le pratiche edilizie e approvative e la direzione lavori.

A seguito di un’attenta analisi dei costi, in commissione è stato deciso di non affidare i lavori ad un’unica ditta ‘’chiavi in mano’’, al fine di evitare tutti i ricarichi aziendali conseguenti e richiesto un’offerta economica a degli artigiani di fiducia, sulla base dei capitolati che erano stati predisposti; dal confronto dei vari preventivi sono state scelto le ditte che avrebbero eseguito i lavori. I lavori sono iniziati ai primi di luglio.

 

Grazie alla costante presenza in cantiere della commissione è stato possibile ottimizzare il lavoro delle varie maestranze che vi hanno lavorato e realizzare varianti al progetto, al fine di perseguire il contenimento dei costi di realizzazione (iniziato con la fase progettuale) e migliorare la funzionalità dell’opera da realizzare. Permetteci inoltre di testimoniare anche del clima di serenità e collaborazione che si percepiva in cantiere e nell’interazione con le maestranze che vi hanno operato.

Quanto è costata l’opera?

107560 euro, iva e oneri della sicurezza compresi. Le opere edili (demolizioni, ricostruzioni, intonaci, massetti, pavimenti, rivestimenti, manodopera assistenza cantiere, ecc.) sono costate 47154 euro +iva, gli impianti elettrici 13000+iva, quelli meccanici 17238+iva, i serramenti 15000+iva, le tinteggiature 2594+iva, il coordinamento della sicurezza 1500 euro+iva e oneri previdenziali. Abbiamo anche realizzato il mezzo impianto basket in esterno, che è costato 1304+iva e, come già citato, delle predisposizioni interne ed esterne utili per i prossimi stralci. La ristrutturazione ha riguardato una superficie calpestabile di 190 mq.

Possiamo inoltre dire che il consuntivo finale è molto prossimo al costo preventivato, aspetto molto importante sia per i criteri di sostenibilità posti dalla Curia Vescovile che, soprattutto, per la serenità della Comunità parrocchiale nell’affrontare gli impegni futuri.

 

Abbiamo terminato con i lavori? No.

Per realizzare quanto richiesto dalla Comunità parrocchiale rispondendo al questionario dell’aprile 2014 dobbiamo realizzare altri due stralci. Il primo permetterà di completare la ristrutturazione interna realizzando una sala piuttosto ampia al piano terra. Sarà necessario spostare le scale di accesso al primo piano nell’attuale cortile interno e poi ristrutturare lo spazio ricavato fino all’attuale ingresso. Il disegno descrive la distribuzione interna degli spazi del piano terra, in cui possiamo notare il salone di circa 160 mq, con una zona tavolini/conversazione distinta da quella riservata ai giochi.

In questo periodo la commissione tecnica sta predisponendo il progetto architettonico. Sarà poi necessario quello strutturale, quello impiantistico, un’attenta stima dei costi, la pratica edilizia da presentare... e iniziare i lavori. Vi aggiorneremo appena possibile anche su questa seconda fase.

Poi, con il terzo stralcio, si completerà la ristrutturazione operando sull’area esterna costituita dall’attuale campo di allenamento e dalla piastra a lato chiesa, al fine di rendere quest’area maggiormente fruibile. Il progetto approvato dal Consiglio Pastorale e dalla Curia Vescovile prevede un campo da volley in erba, uno di minibasket, un’area verde, la piastra polivalente e un campo da calcetto. C’è lo spazio anche per un campo per il gioco delle bocce.

La risposta della comunità parrocchiale finora è molto positiva, sia in termini di partecipazione all’utilizzo dei nuovi spazi e in particolare della cucina, che in termini di contributo economico per i nuovi stralci, che finora è stata di 15600 euro. La gestione chiede una partecipazione corale per dare risposta adeguata alle tante richieste di attività aggregative. Desideriamo che tutti, sentendo questi spazi come propri, possano vivere il centro parrocchiale come la casa comune tra le case e cerniera tra la società civile e la comunità cristiana. C’è bisogno però della partecipazione di un numero maggiore di volontari, al fine di vivere sempre di più i nuovi ambienti, contribuendo a creare la comunità che desideriamo avere.

 

 

 

 

 

 

Orario festivo Sante Messe al Tempio

di mattina: alle ore 8.00 e alle ore 10.00
di pomeriggio: alle ore 18.30